Rocca Rangoni, Spilamberto (Mo)

Anno: marzo 2006 – maggio 2008
Committente: Comune di Spilamberto (Modena)
Incarico: consulenza 
http://www.spilambertoelasuarocca.it 

Responsabile
Di Biase Carolina

Gruppo di lavoro
Oreni Daniela, Balboni Laura, Corradini Paolo, Terenzoni Stefania, Albani Francesca, Azzolini Giulio, Piccinini Barbara, Tinti Francesca, Del Curto Davide, Valisi Luca Pietro, Badalini Juri, Cavalli Tomaso, Jurina Lorenzo (DIS), Monti Carlo, Brumana Raffaella (DIIAR), Achille Cristiana, Fassi Francesco, Monti Chiara, Oreni Daniela, Prandi Federico, Tuncer Rande, Uggeri Gabriele, Penazzi Daniela (DIS), Tedeschi Cristina (DIS),  Bugini Roberto (ICVBC – C.N.R. centro “Gino Bozza” Milano), Rinaldi Gabriele coordinatore rete orti botanici della Lombardia.

Indagini conoscitive e campagna diagnostica preliminare al progetto di restauro e di riuso dei corpi di fabbrica e delle loro pertinenze (corti, parco)

La Rocca Rangoni diviene nel 2005 patrimonio pubblico. Per secoli i marchesi Rangoni, potenti patrizi modenesi, ne avevano detenuto il possesso e la gestione. Ai cittadini che per la prima volta ne percorrevano gli spazi, la Rocca ha presentato il volto dell’abbandono e i segni dell’uso a servizio dell’azienda agricola della famiglia. Presidio fisico e simbolo della storia degli stati estensi, fortezza e poi dimora nobiliare, la Rocca è oggi un grande onere e una grande risorsa per la comunità.

Grazie allo sforzo congiunto degli enti locali, il suo reinserimento nel contesto urbano e territoriale ha preso avvio da una complessa campagna di indagini, finalizzata a restituire dimensioni, evoluzione costruttiva, caratteri e stato di conservazione, al fine di indicare potenzialità e limiti posti dalle strutture e dall’assetto complesso degli interni: le scelte progettuali relative ai nuovi modi d’uso potranno misurarsi con l’effettiva consistenza delle fabbriche, per mantenerne con sapienza la ricchezza delle stratificazioni, rileggerne il rapporto con gli spazi esterni, e proporre l’inserimento e l’addizione dei necessari elementi, sistemi di impianto, volumi di servizio.